martedì 18 agosto 2020

Allerta a Piacenza e Fidenza


Da Piacenza mi giunge questo: 
Ragazza, rientrata da Malta, positiva al coronavirus che ha frequentato discoteca "ll Colle" nel piacentino: l’AUSL invita a fare il tampone a chi era nel locale la sera tra il 14 e il 15 agosto.
Interessate circa 200 persone residenti nel parmense e nel piacentino, una decisione precauzionale, possibile grazie alla collaborazione del gestore del locale.

A seguito della positività al Coronavirus riscontrata in una giovane di Fidenza, rientrata da Malta, che è stata tra venerdì 14 e sabato 15 agosto scorsi nella discoteca Il Colle di Alseno (Pc), le Aziende Usl di Parma e Piacenza invitano a sottoporsi a tampone coloro che quella sera erano nel locale.
“Si tratta in tutto di circa 200 persone, alcune residenti nella nostra provincia, altre nel piacentino – spiega Silvia Paglioli, direttore Servizio Igiene e Sanità Pubblica dell’AUSL di Parma - Grazie alla collaborazione del gestore del locale che ha diligentemente tracciato tutti i titolari dei biglietti di ingresso, abbiamo la lista di chi era in discoteca tra il 14 e il 15 agosto. Stiamo contattando i residenti a Parma e provincia tramite e-mail e al telefono. 
L’invito a sottoporsi a tampone è una scelta presa in via precauzionale, considerato anche che numerose persone ci hanno contattato preoccupate”.
Per i residenti a Parma e provincia, i tamponi vengono eseguiti a partire da domani (mercoledì 19 agosto) dalle ore 8.00 nella tenda allestita nel parcheggio dell’ospedale di Vaio in via Don Tincati 5 a Fidenza, con modalità drive through (non si scende dalla propria automobile).
Chi non è stato contatto dal servizio dell’AUSL, può chiamare il numero 0521.396436, dalle 8.30 alle 13 e dalle 14 alle 18, per fissare l’appuntamento. 
Per i residenti a Piacenza e provincia è stato attivato un ambulatorio dedicato, aperto in Piazzale Milano 2 a Piacenza nella giornata di mercoledì 19 agosto dalle ore 14 alle ore 18. Per chi risiede nel piacentino è necessario prenotarsi telefonando al numero verde del CUP tel 800.651.941.



Questo l'appello del Sindaco di Fidenza 
Domani centinaia di persone andranno a Vaio e a Piacenza a fare tamponi in seguito all'appello lanciato dalle Ausl sulla vicenda della ragazza, rientrata da Malta, positiva al coronavirus e che ha frequentato "ll Colle", nel piacentino.
OGGI siete stati tantissimi a scrivermi per segnalare dettagli e informazioni che ho girato alle autorità competenti. Grazie!
In diversi mi avete scritto chiedendomi anche di non essere indulgente con questa ragazza. Non si tratta di essere indulgenti ma di dare alle cose il loro nome: per precauzione la ragazza non avrebbe dovuto essere né al Colle, né altrove. Per le norme attuali, lo confermo, con le informazioni che abbiamo la ragazza poteva muoversi senza dover stare in quarantena preventiva appena scesa dall’aereo. Così vale in Emilia-Romagna per chi non ha sintomi.
Altro sarebbe successo, facciamo un esempio, se la ragazza avesse avuto febbre o altri sintomi. In quel caso non si sarebbe assolutamente potuta muovere. Infrangere questa norma significherebbe andare incontro a conseguenze penali, come dicono i Dpcm da marzo in poi.
Partiamo da un assunto: nessuno è colpevole per aver preso il COVID, anche se i comportamenti attenti possono aiutare parecchio a schivarlo.
Ma attenzione ho anche scritto (e lo ripeto) che, ORA, quel che conta è che TUTTI COLLABORINO: la ragazza, la sua famiglia, gli amici e i conoscenti.
Ci sono aspetti della storia che non sono del tutto chiari, per cui CHI HA INFORMAZIONI DEVE INFORMARE IGIENE PUBBLICA! che è l'autorità che può disporre quarantene ed esami, che può aiutare a proteggere tutti.
Il pettegolezzo, le mezze frasi, i si dice non servono a nessuno anche se sono stati centinaia i messaggi che ho ricevuto oggi.
CHI HA AVUTO CONTATTI, chi conosce, ha visto, ha notizie dei fatti DEVE aiutare le istituzioni a ricostruire i passaggi e i contatti per mettere al sicuro più persone possibile.
CHI HA INFORMAZIONI su questa vicenda DEVE contattare l'AUTORITA' in materia che è IGIENE PUBBLICA.
basta chiamare il numero 0521.396436 dalle 8.30 alle 13 e dalle 14 alle 18.
Grazie!


1 commento:

  1. Ho letto il duro commento di Massari su quanto accaduto e non posso che essere d’accordo in pieno. Spero poi che nessuno si ammali seriamente o perda la vita a causa di un grave gesto irresponsabile.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi