lunedì 28 novembre 2011

“Quando il cielo contemplo e la luna”



La bellezza e l’armonia del Creato, un riflesso dell’Amore di Dio per l’uomo
Basilica Magistrale di Santa Maria della SteccataCiclo di incontri offerti da: Associazione Cavalieri Ordini Dinastici della Casa Reale e Ducale di Borbone Parma
Quando il cielo contemplo
e la luna / e le stelle che accendi
nell’alto, / io mi chiedo davanti
al creato: / cosa è l’uomo perché
lo ricordi? / Cosa è mai questo
figlio dell’uomo / che tu abbia
di lui tale cura?
- salmo 8 -

La questione dell’etica ambientale è il crocevia di molti problemi che caratterizzano l’inizio del nuovo secolo. | La tecnologia e la cultura del consumo hanno portato a livelli non più sostenibili la civiltà occidentale, che, almeno dall’epoca delle scoperte geografiche, è stata dominante. Occorre una contro-cultura che recuperi l’armonia tra l’uomo e l’habitat e ridimensioni il rapporto strumentale tra lui e la natura. | La scienza, la politica e l’economia, ma soprattutto le culture e le religioni hanno un ruolo rilevante nel costruire una civiltà che senza ripudiare le grandi conquiste del sapere tecnologico, abitui l’umanità ormai globalizzata a godere della bellezza del cosmo e a stupirsi contemplando i cieli e la terra. Occorre recuperare la categoria della gratuità liberandosi dall’appiattimento su quella dell’utile. Ne va della qualità della vita, ma anche della sopravvivenza del pianeta dove viviamo. | Convinti della rilevanza del problema il Centro Etica Ambientale e la Delegazione FAI di Parma sono ben lieti di collaborare con l’Associazione degli Ordini Dinastici Borbone Parma nel proporre alla città una serie di incontri di aggiornamento e di riflessione, grati all’Ordine Costantiniano e alla Rettoria della Steccata per la concessione della Basilica, inno permanente alla bellezza e alla spiritualità.
“… questo mondo immenso, misterioso, magnifico, questo universo dalle mille forze, dalle mille leggi, dalle mille bellezze, dalle mille profondità. È un panorama incantevole. Pare prodigalità senza misura. Assale a questo sguardo quasi retrospettivo,il rammarico di non averlo ammirato abbastanza questo quadro, di non aver osservato quanto meritavano le meraviglie della natura, le ricchezze sorprendenti del macrocosmo e del microcosmo. | Tuttavia, almeno in extremis, si deve riconoscere che quel mondo, qui per Ipsum factus est, è stupendo. Ti saluto e ti celebro all’ultimo istante, sì con immensa ammirazione; e con gratitudine: tutto è dono; dietro la vita, dietro la natura, l’universo, sta la Sapienza. | E poi lo dirò, in questo commiato luminoso sta l’Amore! La scena del mondo è un disegno, oggi tuttora incomprensibile per la sua maggior parte, d’un Dio Creatore, che si chiama il Padre nostro che sta nei cieli! | Grazie, o Dio, grazie e gloria a Te, o Padre! | In questo ultimo sguardo mi accorgo che questa scena affascinante e misteriosa è un riverbero, è un riflesso della prima e unica Luce; è una rivelazione naturale d’una straordinaria ricchezza e bellezza. ….”  |  Da Pensiero alla Morte, di Paolo VI
Calendario:
Martedì 6 dicembre 2011, ore 18:00 > Pde Peter Hughes OSB – Monaco Benedettino Camaldolese, RomaLa Terra: dono e responsabilità
Venerdì 20 gennaio 2012, ore 18:00 > Prof. Pde Marco Salvati – Ordinario di Teologia, Pontificia Università di S. Tommaso, RomaRilevanza ecologica della concezione cristiana di Dio
Martedì 7 febbraio 2012, ore 18:00 > Prof. Daniel Turbon – Ordinario di Biologia, Università di Barcellona, Barcellona SpagnaEvoluzione e Creazione
Venerdì 9 marzo 2012, ore 18:00 > Wallis Wilde Menozzi - Scrittrice, New York-ParmaDal Caos al Creato. Il contributo di due donne
Aprile 2012 > Quattro relatori parleranno sul tema: Il rapporto fra Uomo e Creato nel Buddismo nel Cristianesimo nell’Ebraismo nell’Islam
Per informazioni:
Centro Etica Ambientale
piazza Duomo 1, Palazzo Vescovile – 43121 Parma
Tel/fax 0521 380516
segreteria@centroeticambientale.org;
www.centroeticambientale.org
Altri dettagli  alla pagina http://www.twimc.it/?p=13996

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi