mercoledì 9 novembre 2011

Ma come si vive nel quartiere "I Gigliati"?


Per capire come si vive nel quartiere "I Gigliati" non occorre seguire il dibattito del Consiglio Comunale su cui abbiamo riferito nel post precedente, basta lasciar parlare i residenti. Visto che oltre a parlare i residenti scrivono, e scrivono bene, riportiamo sotto integralmente la lettera di uno di loro, già vecchia conoscenza di questo blog. Il contenuto della stessa è stato già in parte pubblicizzato dal maggior quotidiano locale in data odierna.
Da parte nostra ci preme segnalare che l'aspetto sicurezza non sempre, o forse mai, è considerato quando si elaborano i progetti urbanistici, in questo modo si creano situazioni che poi difficilmente possono rientrare nella normalità. Il complesso delle Torri della stazione è uno di questi, altri probabili candidati a contribuire a creare situazioni di disagio sono in cantiere e sono: la scuola agraria qualora fosse localizzata nella zona adiacente il cimitero e il sottopasso pedonale tra il piazzale della stazione e via Marconi. 

"Il tutto si è svolto sabato pomeriggio tra le 17,30 e 18,30. Abitiamo in Via Mons. Stringhini 82, nel nuovo quartiere dei Gigliati, la c.d. nuova porta di Fidenza per chi viene da Parma. Un quartiere residenziale che sta lentamente prendendo vita nella zona sud est e che nei prossimi anni dovrebbe ospitare altra edilizia di tipo residenziale e commerciale ma al momento un po’ isolato, sebbene si trovi alle spalle del centro commerciale Coop.
Abitiamo in una corte di nuova costruzione e chi abita a piano terra ha il giardino. Sabato pomeriggio, al nostro rientro verso le 18:45 i vicini che abitano lì da poco ci informano di essere stati appena derubati. La cosa assurda è che i ladri erano entrati dal giardino della corte, un posto dove ancora non vivono molte famiglie ma dove tutti gli abitanti del complesso residenziale passano di continuo. A queste persone è stata messa a soqquadro la camera e portata via la cassetta di sicurezza con oggetti d’oro e assegni. Tra l’altro uno dei signori che vive questo appartamento era di sotto per fare dei piccoli lavoretti in garage (che però non sono comunicanti con gli appartamenti)  Non contenti di ciò i ladri, usciti sempre dal giardino, sembra abbiano bypassato il mio appartamento che si trova di fianco (e dotato di sistema di allarme) e si sono infilati in quelli degli altri ns. vicini, sempre entrando dal giardino (e quindi ben visibile ai vicini, andando davvero a colpo sicuro) e uscendo dalla terrazza sul retro che da’ sul cortile dei garages. Qui sono stati rubati un pc portatile, oro e oggettistica/abbigliamento di valore senza però mettere tutto a soqquadro.

In entrambi i casi è stato usato un punteruolo da cantiere per aprire le porte-finestre ed entrare in casa. Infatti nel giardino dei primi signori derubati è stato ritrovato proprio la presunta arma dello scasso.
Insieme all’altra famiglia ignara di essere stata derubata, poco dopo le 19, sono sopraggiunti anche i carabinieri per tutti i rilievi di circostanza. Tra l’altro, il sentore di tutti è che i ladri fossero ancora presenti nel complesso, nascosti in alcuni dei garages invenduti che in maniera sprovveduta vengono lasciati aperti da agenzie immobiliari e imprese di costruzione da mostrare a eventuali acquirenti. 
Questo complesso residenziale, come tanti altri tra Parma e Provincia, si presenta ancora come un cantiere da completare e proprio negli ultimi giorni si erano viste circolare tante persone che si erano camuffate da operai. Ebbene all’indomani dei due furti, il costruttore ci ha confermato che non aveva assunto altri operai per completare gli appartamenti ancora non abitati. Quindi il fatto di veder girare in settimane dei volti non proprio rassicuranti non era solo una sensazione.

Adesso la paura di tutti, visto che nell’ultimo anno in questo quartiere ci sono stati già 3 furti, di cui uno notturno con persone in casa che sono state addormentate con appositi gas, è di vedersi arrivare questi malviventi anche durante il pomeriggio, fascia oraria in cui molte mamme sono a casa con i bimbi (e questo è un condominio molto giovane e con tanti bimbi, come nel caso mio e di mia moglie) e magari trovarseli in casa. Le ultime notti sono trascorse per tutte con tanta ansia e paura, anche per noi che non siamo stati visitati. E’ davvero brutto vivere in casa propria, tra l’altro acquistata con tanti sacrifici, in questo modo.

Inoltre tutti sono d’accordo che questi criminali hanno studiato per benino da giorni tutti gli orari e le abitudini dei condomini e che sono andati a colpo sicuro. La seconda signora derubata ha avuto per tutta la scorsa settimana la certezza di essere osservata.
La questione della sicurezza era già stata posta ai ns. amministratori di condominio proprio a causa dei furti avvenuti negli ultimi tempi in molti nuovi quartieri residenziali di Fidenza e della provincia di Parma. Adesso ci attrezzeremo rivolgendoci a qualche istituto di vigilanza e coloro che non hanno avuto il tempo materiale di farlo, installeranno sicuramente un sistema di antifurto.

Cordiali saluti,"
lettera firmata

1 commento:

  1. e i carabinieri cosa hanno fatto x debellare questo problema?
    ma non si possono installare telecamere nel quartiere? alla fine è solo una la strada di comunicazione...basterebbe una grossa telecamera...no?

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi