domenica 23 luglio 2017

Nel cuore di Fidenza balli e canti del Salento



Nella centralissima Piazza Verdi, nel cuore di Fidenza, il Teatro Magnani come sfondo, balli e canti del Salento nel concerto che ha preso il via poco dopo le 21.30 davanti ad un pubblico che in poco tempo, oltre alle seggiole, ha riempito l'intera piazza.
I musicisti salentini del collettivo Officina Zoè hanno portato il loro show Mamma sirena – Canti e danze del Salento, spettacolo in omaggio alla Pizzica, la famosissima danza popolare salentina dal particolare ritmo ciclico e ipnotico.
Il concerto era inserito nella XV Edizione di Musica in Castello e, per quanto riguarda Fidenza, nella rassegna "D'ESTATE - SEGNI E SOGNI" curata dall'assessorato alla cultura. La serata, ad ingresso gratuita, era orientata al sostegno di Emergency, l'associazione italiana indipendente e neutrale, nata nel 1994 per offrire cure alle vittime delle guerre e della povertà.


In apertura l'Assessore Maria Pia Bariggi saluta il pubblico ed introduce l'evento esplicitando la soddisfazione per la rassegna di Musica in Castello che, "nella 15° edizione, sta portando nelle piazze di un ampio territorio spettacoli di qualità. Spettacoli sempre unici e diversi come unico e diverso quello per Fidenza" ci dice Maria Pia e così prosegue:

"Officina  Zoe", "Mamma Sirena, canti e danze del Salento". Tradizioni e musicalità da una terra, circondata dai mari, lo Ionio e l'Adriatico, che coincide con la parte meridionale della Puglia e che comprende le province di Brindisi, di Taranto e di Lecce. Ed è proprio con Lecce, la città sorta su un antico insediamento messapico e diventata poi municipio romano, che è da individuarsi il legame con Fidenza. Di Lecce infatti fu Vescovo Monsignor Alberto Costa nato a Santa Croce di Zibello il 15 marzo 1973, ordinato sacerdote 19 settembre 1896, eletto Vescovo il 4 gennaio 1912 e consacrato Vescovo nel Duomo di Fidenza il 28 aprile 1912. Vescovo di Melfi e Rapolla, di Venosa e di Lecce morì nel 1950 ed è sepolto nel Duomo di Lecce."







Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi