domenica 20 aprile 2014

Andrea Massari ci scrive

Visualizzazione di comitato_fidenza.jpg



“In 7 giorni quasi 300 proposte per il programma.
Il cambiamento? Lo scriviamo coi fidentini”
Andrea Massari, candidato sindaco: “Grande successo della campagna che abbiamo lanciato. Dalla cura delle strade alle scelte hi-tech, i cittadini ci chiedono buon governo e innovazione

Avevo promesso che il nostro programma sarebbe stato costruito insieme ai fidentini. 
Bene, a una settimana dall’apertura del Comitato elettorale, sono già 268 i suggerimenti programmatici che ci hanno affidato i cittadini, venendo a scrivere sulla lavagna della sede, attraverso le cartoline raccolte al Comitato e attraverso le mail che ci sono state spedite. 
Un risultato incredibile, che dimostra quanta voglia ci sia a Fidenza di collaborare alla ripartenza della nostra città, dopo anni di immobilismo e di un pessimo spettacolo offerto dalla politica dei dirigenti di partito. 

I cittadini di Fidenza e delle sue frazioni ci hanno scritto, principalmente, di progetti per l’innovazione tecnologica, per un sistema di applicazioni per vivere meglio a Fidenza e acquistare servizi on-line, per un Comune che deve tornare ad occuparsi delle piccole opere che rendono più bella e sicura la città: dagli sfalci nei parchi dimenticati dal comune alla sicurezza della rete stradale, spesso ridotta a colabrodo. E poi tante, tante, idee per sostenere l’economia e rilanciare il lavoro, anche attraverso la leva di un fisco locale attento a chi crea impresa e buona occupazione

Tante, davvero tante, anche le proposte per realizzare, finalmente, una nuova stagione legata ad uno sviluppo urbano della città non schiavo degli oneri di urbanizzazione. 

E’ finita l’espansione fuori misura e, proprio come tanti fidentini, sono convinto che la strada della riqualificazione e del recupero dei contenitori che oggi sono stati lasciati cadere in disuso sia il modo giusto di procedere. Penso, ad esempio, all’ex forno comunale, oggetto delle proposte di un numero sorprendente di cittadini. 

Quindi, sentiamo sempre parlare di partecipazione, ma qua a Fidenza stiamo dando un significato pratico a questa parola bellissima, con una collaborazione inedita con i cittadini
Un percorso che, come ho già detto più volte, porterà a sottoporre a referendum le decisioni più importanti dell’Amministrazione, perché sono certo che l’ascolto dei fidentini non sia solo uno slogan ma il modo migliore per aprire le porte del Comune ad un cambiamento mai visto prima.
Il cambiamento di chi crede che Fidenza possa ripartire e diventare un laboratorio di buon governo.
Andrea Massari

14 commenti:

  1. Scusate, ma Massari è ridicolo in particolare in questo passaggio che segue;


    E’ finita l’espansione fuori misura e, proprio come tanti fidentini, sono convinto che la strada della riqualificazione e del recupero dei contenitori che oggi sono stati lasciati cadere in disuso sia il modo giusto di procedere. Penso, ad esempio, all’ex forno comunale, oggetto delle proposte di un numero sorprendente di cittadini.

    Ma lui dov'era prima? Perchè non ha messo a posto l'ex forno comunale anzichè far indebitare con milioni di euro la Sandonnino per 30 anni per comperare nelle Torri? Stendiamo un pietoso velo quando parla poi di smettere di consumare suolo...da che pulpito! Quello che c'era da consumare è già stato consumato...

    RispondiElimina
  2. Forse che forse che lui non c'era quando sono state fatte quelle scelte?

    RispondiElimina
  3. Nel 2007 c'era eccome quando la giunta e poi il consiglio hanno deciso di far acquistare dalla Sandoninno dentro le torri per svariati milioni di euro. Eccome se c'era, così come c'era quando hanno approvato prima cinque, poi non contenti addirittura sette piani, per lo scheletro davanti alla Bellaria. Lo chieda a Uni, che oggi lo sostiene, se ê così oppure no. Quante gliene disse Unì, ma oggi si vede che anche lui ha perso la memoria, come dice la Sartori. Si vede che ci sarà in giro un virus che attacca la memoria dei politici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se san donnino non avesse acquisito le Torri quei soldi li avrebbe dovuti mettere il comune direttamente. Come da accordi presi qualche anno prima. Bisogna leggere un po' le carte se si vuole fare i giudicatori.

      Elimina
  4. Non lo so, ma il par Tito è lo stesso e un vecchio detto cita che il lupo perde il pelo ma non il,vizio. Basta guardare chi lo sostiene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per non dimenticare.
      Durante la giunta Cerri:
      chiusura con creazione di selciato con appositi pistolotti (si alzano e si abbassano) di un pezzo di via Gramsci (prima era aperta solamente al sabato se non ricordo male).
      Massari -> assessore alla viabilità...Ricordo bene!!!
      http://www.navecorsara.it/wp/2013/06/07/villa-panini-sta-partorendo-un-ecomostriciattolo/
      La villa Panini!!!
      I negozi del centro decimati dalla crisi...nessuna giunta ha preso le difese per incentivare la gente a venire in centro.
      Si fa una fatica bestiale nel trovare un posto in centro.
      Gente che abita in centro e dice che è favorevole alla zona pedonale, tanto loro frequentano l'Outlet. Tanto ce l'hanno a morte coi commercianti del centro. Ci fanno solamente la solita vasca del ven/sab. Le compere solo ed esclusivamente all'Outlet.
      L'aperitivo ormai si fa all'agrinascente! Quando va di moda una cosa a Fidenza....tutti la seguono!

      Elimina
  5. A tutti i commentatori tanto attenti a ciò che avrei fatto io.
    Sono stato eletto per la prima volta nella mia vita durante le elezioni del giugno 2004. Sono stato nominato assessore all'ambiente, sicurezza, protezione civile e viabilità subito dopo l'elezione.
    Per tale ragione non ho mai ricoperto l'incarico di consigliere comunale.
    Le torri erano già in costruzione? si lo erano. Il progetto di riqualificazione della stazione trova origine nel 1995/1996 con l'adozione del vecchio PRG. i quartieri residenziali a sud della città? idem come sopra.
    L'unico quartiere su cui l'amministrazione in cui ho partecipato ha provato a modificare i criteri è il quartiere europa in cui si provò ad introdurre il concetto di autosufficienza ambientale (energia, acqua, etc.).
    Per il resto e per i cacciatori di vizi, di peli, di lupi, di dietrologia... sono a disposizione. andreamassari73@gmail.com.
    Buona Pasquetta a tutti.
    Andrea

    RispondiElimina
  6. Signor Massari, al Suo posto, se verrà eletto sindaco, e lo sarà senz'altro, chi ci metterà? Se mi vorrà rispondere, La ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina
  7. Scusi sig. Bifani ci metterò dove?

    RispondiElimina
  8. Al posto di assessore a varie funzioni, l'unico di stampo politico cui fisse mai stato eletto, come ha scritto Lei, poco sopra.

    RispondiElimina
  9. Mi ricordo benissimo di massari ....quando era alla viabilità!
    Ma si vergognano di mettere il simbolo del PD ? Ahahahah
    Parla di rinnovare...città più moderna...bah

    RispondiElimina
  10. La chiusura definitiva di via Gramsci é opera della giunta Cerri . Per non dimenticare. Il centro é ormai un ghetto, negozi chiusi, chi ci viene? Tutti vanno all'outlet e l'aperitivo lo fanno all'agrinascente. Io manco piu' ci vengo in centro. Quel bellissimo selciato con quei pistolotti che vanno su e giù....quel gigantesco palazzo davanti la bellaria. Bleah

    RispondiElimina
  11. Meno male che non sono del PD!! E meno Male!!!

    RispondiElimina
  12. ma è vero che Massari vuole assumere Tedeschi come consulente esterno? O.O

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi