lunedì 26 giugno 2017

Il progetto di Primavera Fidentina in Consiglio Comunale?


Partendo dall'attuale stato della città, pregi e difetti, il gruppo che si ritrova sotto il Nome di Primavera Fidentina ha sviluppato un lavoro centrato sulle potenzialità che il territorio e la città possono esprimere. Ne è sortita una prima proposta di progetto che il gruppo ha presentato giovedì scorso, 22 giugno, nella sala multimediale dell'ex macello di via Mazzini.

Erano presenti all'incontro il Presidente del CC, Amedeo Tosi, il Sindaco Andrea Massari, l'Assessore Maria Pia Bariggi, Marilena Pinazzini e Massimo Tedeschi.
L'incontro si proponeva come obiettivo, oltre alla presentazione della proposta, quello di coinvolgere sia i cittadini che l'Amministrazione comunale. 
Riporto qui alcune considerazioni sull'incontro di giovedì poi riprese e sviluppate in maniera più completa nell'articolo pubblicato oggi da Primavera Fidentina sulla pagina web del gruppo "Primavera fidentina ha gettato un seme per la rivitalizzazione del centro storico e chiederà un consiglio comunale straordinario":
"Il centro storico di Fidenza è spento, la crisi economica non aiuta, gli affari scarseggiano e sono tanti i negozi che chiudono i battenti.
Il gruppo civico Primavera Fidentina ritiene però estremamente sbagliato il continuo piangersi addosso perché la nostra città ha le risorse per potercela fare: ha insediamenti agricoli e punti di ristorazione di valore, edifici e monumenti artistici importanti oltre ad essere un’importante tappa della Via Francigena.
L’unico modo per riuscire è quello di mettere a sistema tutte queste risorse facendo in modo che tutto funzioni in sincronia.
Il gruppo che da mesi sta lavorando attorno a questi temi ha presentato pubblicamente un progetto che sviluppa una breve analisi della situazione e suggerisce alcune proposte. Tutto è da ritenersi una bozza di lavoro perché l’unico modo per riuscire a far qualcosa per la rivitalizzazione del nostro centro storico è poter contare sulla collaborazione dei cittadini. C’è un solo modo per ottenere un risultato ed è quello di lavorare tutti insieme, indipendentemente dalle diverse idee politiche. Il gruppo, consapevole di questo, ha fatto un appello affinché altri si uniscano a loro per fare tavoli di lavoro, aperti ai contributi di tutti in una vera e propria democrazia partecipata.
Lo scorso giovedì 22 giugno nei locali dell’ex Macello, davanti ad un pubblico attento e interessato, abbiamo sintetizzato i punti salienti del progetto: il borgo del gusto, la cultura, il turismo e la via francigena, le manifestazioni e il commercio. Abbiamo evidenziato, però, anche le carenze quali: la mancanza di proposte per il volontariato e soprattutto l’assenza di un discorso relativo all’urbanistica del centro. Sono pagine che andranno costruite insieme ai cittadini che si renderanno disponibili a collaborare.
Il dibattito che ne è seguito è stato particolarmente partecipato e interessante e ha offerto importanti spunti di riflessione.
Molto gradita è stata la presenza dell’Amministrazione comunale rappresentata dal sindaco Andrea Massari, dall’Assessore Maria Pia Bariggi e dal Presidente del Consiglio Comunale Amedeo Tosi. Tutti hanno espresso apprezzamento per un gruppo di persone che con tenacia si sono incontrate per pensare alla città.
Questo incontro è stato il punto di partenza di un progetto che deve coinvolgere tutta la città. Solo se tutte le forze economiche, politiche e sociali si metteranno insieme si potrà riuscire.
A conclusione dell’incontro si è deciso di chiedere la convocazione di un consiglio comunale straordinario per dare una veste ufficiale al progetto. Sarà l’occasione per verificare la disponibilità dell’amministrazione e dei consiglieri oltre a quella dei cittadini."

4 commenti:

  1. Lodevole iniziativa, molto bello che persone spontaneamente si riuniscono per mettere a tema una criticità della nostra città.
    Importante e prioritario l'invito alla collaborazione rivolto alla cittadinanza, non è sufficiente criticare occorre che ognuno si metta a disposizione e si impegni a costruire un progetto fattibile.
    Occorre responsabilizzare i proprietari e gli esercenti,per trovare un nuovo modo di collaborazione e disponibilità per realizzare i progetti.
    Mi permetto di richiamare gli incivili che attaccano le loro pubblicità sulle vetrine presentando una città disordinata, a un comportamento rispettoso del bello e del pulito.
    L'anonimo di Borgo.

    RispondiElimina
  2. Se possibile , si potrebbe usare questo blog per lanciare proposte e osservazioni per il progetto di Primavera fidentina

    Anonimo-1

    RispondiElimina
  3. Tutto va bene per pubblicizzare il progetto, ma soprattutto è indispensabile essere presenti agli incontri e per quanto possibile, rendersi disponibili in modo concreto alla sua realizzazione. Solo sul blog mi firmo Anonimo, ma quando sarà necessario, mi paleserò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho scritto nell'articolo il progetto vive e va avanti solo se c'è la collaborazione fattiva dei cittadini. Noi di Primavera Fidentina siamo pochi e abbiamo bisogno di persone. Chiederemo un consiglio comunale straordinario per poter dare l'avvio a tavoli di lavoro, autentici laboratori di idee e proposte aperte ai cittadini. Se qualcuno desidera inviare proposte, idee e offerta di collaborazione può farlo al nostro indirizzo di posta elettronica (info@primaverafidentina.it), nel nostro sito (www.primaverafidentina.it) o su facebook. Ogni aiuto è gradito. Giovanna Galli

      Elimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi