mercoledì 20 marzo 2019

Terra incognita – Racconti dal futuro

Muovendosi liberamente nell'ampio spazio che le deleghe "Innovazione, semplificazione, processi partecipativi, valorizzazione Centro Storico e marketing territoriale, sviluppo economico", sembrano implicare, includere, presupporre, racchiudere, sottintendere, l'Assessore Franco Amigoni propone tre appuntamenti al Magnani e altri tre al centro culturale San Giorgio, con sociologi, architetti, designer, economisti, ambientalisti ecc. 



TERRA INCOGNITA – RACCONTI DAL FUTURO porta a Fidenza un viaggio lungo 16 giorni. Il tutto attraverso incontri, tavole rotonde e spettacoli sui temi che spaziano dal digitale al lavoro, dal territorio alla comunità, armandosi di nuove mappe incomplete per collezionare racconti dal futuro. 



Primo appuntamento venerdì 29 marzo al Teatro Magnani con un ospite d'eccezione Alessandro Baricco, questo comunque il programma completo:

29 MARZO 2019
ORE 21.00 | Teatro Magnani

ALESSANDRO BARICCO presenta “THE GAME”
Sarà Alessandro Baricco ad aprire la rassegna al Teatro Magnani. Lo scrittore torinese presenterà il suo ultimo saggio “The Game”, edito per Einaudi, nell’unica tappa in Emilia Romagna del suo ‘In Game Tour’. 
In ‘The Game’ Alessandro ricostruisce la storia del digitale dagli anni sessanta a oggi. Parla di digitale e di innovazione, e ha pensato, con l'aiuto di cartografi di professione, di "tradurre" questa storia in una mappa. 
Una mappa che unisce tanti puntini, da space invaders ad amazon, dai primi computer al mac a Facebook e a Instagram, dall'invenzione del web a skype al cloud, nel corso dei decenni, sino ad arrivare sulle sponde dell'intelligenza artificiale. Uno spettacolo da non perdere, per iniziare a prendere confidenza con il futuro che ci aspetta. 

30 MARZO 2019
ORE 10.00 – 12.30 | Centro Culturale San Giorgio

CONNESSIONI FISICHE E DIGITALI PER LO SVILUPPO EUROPEO
Tavola Rotonda: due manager della logistica provenienti da multinazionali, l'amministratore di Cepim Interporto di Parma e un economista specializzato sulle politiche industriali discutono di connessioni fisiche e digitali, dalle grandi infrastrutture europee agli appetiti cinesi sui nostri porti, che aggiornano al ventunesimo secolo la via della seta.

LORENZO LEONE (Automotive Logistics Manager)
La globalizzazione della produzione automotive e il ruolo della logistica e dello scambio delle informazioni
STEFANO SASSI (Fashion Logistics Manager Giorgio Armani)
Il sistema della moda: prodotti e immagine del sistema Italia in Europa e nel mondo
LUIGI CAPITANI (Amministratore CEPIM Interporto di Parma)
Logistica: dall'interporto di Parma al mondo
FRANCO MOSCONI (Associato di Economia Industriale Internazionale Università di Parma)
Politiche industriali europee e connessioni tra locale e globale

Coordinatore
CLAUDIO ROSSI (Business Development Transfera d.o.o.)

ORE 15.00 – 16.30 | Centro Culturale San Giorgio

DIGITALE, COMUNITA' E LAVORO
Un grande sociologo, un'esperta di cultura digitale, un game designer, un economista esperto di commercio al dettaglio e centri storici. Come rilanciare le nostre città? Come ricucire le comunità locali? Come tradurre la cultura in un linguaggio comprensibile ai "millennials"?

ALDO BONOMI (Sociologo, fondatore istituto A.A.S.TE.R.)
Le comunità e i lavori tra flussi e luoghi
MARIA GRAZIA MATTEI (Esperta di cultura digitale, Ideatrice Meet the Media Guru)
La città tra cultura analogica e linguaggi digitali
FABIO VIOLA (Docente IED, esperto di gamification dei format culturali)
Spazi culturali e millennials: esperienze per un linguaggio comune
ROBERTO RAVAZZONI (Ordinario di marketing distributivo Unimore)
Il dilemma strategico dei centri storici italiani

Coordinatore
ALDO COLONETTI (Filosofo, storico e teorico dell'arte, del design e dell'architettura)

6 APRILE 2019
ORE 11.00 | Teatro Magnani

MARIO CUCINELLA presenta “ARCIPELAGO URBANO: IL FUTURO DELLA CITTÀ” 
Architetto, designer e accademico italiano.
Nel 2009 ha vinto il premio MIPIM (Marché International des Professionnels d'Immobilier) nella categoria green building con il Centre for Sustainable Energy Technologies (CSET). Due anni dopo, nel 2011 vince di nuovo il prestigioso premio nella stessa categoria con la sede centrale italiana della 3M. Nel 2017 il Ministero per i Beni e le Attività Culturali lo ha incaricato della curatela del Padiglione Italia alla Biennale di Architettura 2018, che Cucinella ha intitolato Arcipelago Italia.
Nel 2014 ha collaborato con Renzo Piano al progetto G124 per il recupero delle periferie in Italia. Nel 2012, fonda Building Green Futures, un'organizzazione no-profit con l'obiettivo di diffondere un'architettura che garantisca dignità, qualità e performance nel rispetto dell'ambiente nei paesi in via di sviluppo. Tra le sue realizzazioni più significative: il Centre for Sustainable Energy Technologies (CSET) di Ningbo, la sede della società 3M a Milano, il progetto per l'Agenzia regionale per l'Ambiente (ARPA) a Ferrara; il Nido d'infanzia di Guastalla, ispirato al ventre della balena di Pinocchio, e il Polo Universitario ad Aosta, l'edificio One Airport Square ad Accra, la nuova sede delle Poste e Telecomunicazioni ARPT di Algeri, il Centro Universitario Ospedaliero sempre ad Algeri, il Polo Chirurgico per l'Ospedale San Raffaele di Milano.

ORE 15.00 – 16.30

BENI COMUNI, PAESAGGIO E MERCATO
Un economista che sostiene che noi "votiamo" ogni giorno, un architetto specializzato in agricoltura urbana, il responsabile dell'agenda digitale della Regione Emilia Romagna, una sociologa urbana. Come conciliare mercato, ambiente e beni comuni?

LEONARDO BECCHETTI (Ordinario di economia politica Università Roma Tor Vergata)
Next: il mercato siamo noi
FRANCESCO FULVI (Architetto, Segretario Manifattura Urbana)
Coltiviamo paesaggi: il territorio amico
DIMITRI TARTARI (Responsabile Agenda Digitale Regione Emilia Romagna)
Agenda digitale: un percorso di comunita'
DANIELA CIAFFI (Sociologa urbana e vicepresidente Labsus, Laboratorio Sussidiarietà)
Amministrazione condivisa dei beni comuni

Coordinatore
SERGIO DURETTI (Direttore Welfare Digitale Lepida SPA)

13 APRILE 2019
ORE 21.00 | Teatro Magnani

TOMMASO GHIDINI presenta “VERSO L’INFINITO E OLTRE”
Capo della Divisione di Strutture, Meccanismi e Materiali dell’Agenzia Spaziale Europea, ha conseguito il Dottorato di Ricerca (Ph. D.) all’Università di Paderborn (Germania), con tesi in Meccanica della Frattura sperimentale e numerica, realizzata interamente all’Istituto di Ricerca dei Materiali del Centro Aerospaziale Tedesco. Dal 2005 al 2007 ha lavorato in AIRBUS, a Brema, sui maggiori programmi civili e militari dell’industria aeronautica europea, in particolare gli aeroplani A380, A350 e A400M, attualmente in servizio attivo nelle più importanti compagnie e forze aeree del mondo.
E’ approdato all’Agenzia Spaziale Europea (ESA) nel 2007, lavorando come esperto di meccanica della frattura e failure investigation. Nel 2009 è stato chiamato a occupare la posizione di Ingegnere della Qualità e Sicurezza del razzo VEGA (Vettore Europeo di Generazione Avanzata), il razzo più recente della famiglia dei lanciatori ESA, fino al lancio di qualifica avvenuto con successo nel Febbraio 2012. 
Nel 2012 viene promosso a Capo della Sezione di Tecnologia dei Materiali e dal 2017 dirige la Divisione di Strutture, Meccanismi e Materiali dell’ESA. 
La Divisione, avvalendosi di laboratori e centri di calcolo di fama e livello mondiale, garantisce l’integrità strutturale dell’intera gamma di programmi e missioni spaziali dell’ESA. 
Tommaso Ghidini è invitato a tenere corsi nelle facoltà di Ingegneria Aerospaziale di prestigiose Università europee ed è stato insignito di numerosi premi e riconoscimenti internazionali per il raggiungimento di fondamentali risultati nel settore aerospaziale. 
Nel 2011 è stato nominato Revisore dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, svolgendo attività di valutazione e approvazione di programmi nazionali di ricerca e sviluppo sulle tecnologie più avanzate della produzione industriale.


3 commenti:

  1. Marisa Guidorzi20 marzo 2019 10:39

    Alto profilo , persone che si presentano con vari titoli e competenze: non mi vergogno a riconoscermi non solo ignorante, ma anche inadeguata a tale livello.

    RispondiElimina
  2. Franco Bifani20 marzo 2019 12:00

    Invitate Greta Thunberg!

    RispondiElimina
  3. Grazie Ambrogio per la pubblicità! Hai ragione, con questa iniziativa mi sto muovendo liberamente e in modo trasversale tra le deleghe che mi sono state attribuite. Penso che i contenuti che sono riuscito a mettere assieme con l'aiuto di tanti siano molto ricchi di spunti importanti, e possano coinvolgere e toccare profondamente in qualche misura tutti noi. Non a caso però ho scelto un titolo in latino. Apriremo finestre sugli scenari che ci attendono da tanti punti di vista ma si tratterà non di rado, parlando di futuro, di ipotesi e previsioni. Di orizzonti che vengono da lontano. Gli antichi cartografi del cinquecento, quando non conoscevano in dettaglio un territorio che dovevano mappare (e succedeva molto spesso, non disponendo di google maps), ricorrevano ad un escamotage; scrivevano "terra incognita", terra sconosciuta, quando si sentivano in vena di essere più sinceri, ma anche "hic sunt leones" (qui ci sono i leoni), quando volevano essere un pò più creativi e immaginifici. Parlando sinceramente, il futuro è terra incognita. Al momento abbiamo di fronte sentieri bellissimi e rigogliosi ma anche percorsi pieni di pericoli e insidie. L'importante, in questa fase storica, è a mio parere avere il coraggio di alzare lo sguardo oltre il quotidiano, oltre la routine, e provare a mettere a fuoco qualcosa di più distante. Troveremo i leoni? Ce lo racconteranno tanti personaggi di grande spessore nazionale e internazionale. Chiudo con una celeberrima frase attribuita a Paul Valery: "il guaio del nostro tempo è che il futuro non è più quello di una volta". E' davvero così? Scopriamolo insieme.
    Ci sono altre cose davvero molto importanti da raccontare su questo evento; nei prossimi giorni...

    RispondiElimina