martedì 12 maggio 2020

76° anniversario del Bombardamento Aereo su Fidenza del 13 MAGGIO 1944




76° ANNIVERSARIO DEL BOMBARDAMENTO AEREO SU FIDENZA DEL 13 MAGGIO 1944 


PROGRAMMA
 ore 15: deposizione corona di alloro nella cappella del Cimitero Urbano alla presenza del Sindaco, dell' Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra – sezione di Parma e dell'Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, sezione di Fidenza. 



Ore 15. 30 Interventi di: Cav. Uff. Alfredo Isetti, Presidente dell'Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra – sezione di Parma, Dott. Ambrogio Ponzi, Presidente dell'Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, sezione di Fidenza. 

Gli interventi saranno trasmessi in diretta sulla pagina Facebook del Comune di Fidenza e contestualmente caricati sul canale Youtube del Comune di Fidenza.


ore 18:00: proiezione del video “Fidenza sotto le bombe” dell'Associazione “Rover Joe”, in collaborazione con le Associazioni “Tracce di Storia” e “A riva la machina”,  in diretta sulla pagina Facebook del Comune di Fidenza e disponibile sul canale Youtube del Comune di Fidenza.

4 commenti:

  1. Importante mantenere il ricordo delle vittime del bombardamento del 13 maggio 1944 di Fidenza. Peccato non avere programmato la Santa Messa con la benedizione della lapide dei defunti nella Chiesa di San Michele, con le stesse modalità delle celebrazioni Pasquali.
    La Pandemia non ci deve far dimenticare i valori e le tradizioni della nostra CULTURA.
    l'Anonimo di Borgo

    RispondiElimina
  2. Infatti, quel bombardamento ha lasciato tante vittime a Fidenza, per me è un ricordo indelebile: una scheggia delle bombe aveva ferito mio padre e accanto a lui era rimasto ucciso il padre di una mia cara amica. Le distruzioni e i lutti che lasciano le guerre non vanno mai dimenticati.

    RispondiElimina
  3. Franco Giordani13 maggio 2020 08:24

    13 ÄD MÂG’ DÈL 44



    Èl dé äd la Mädonna, èl tredš äd mâg’,
    e mîa gnì sù, däl ciel, un râg’:
    sö in ciel a gh’era j äruplan,
    è gnì su èl bombi äd j ämerican,

    A né gnì su däl ciel na sgèrla,
    Fidensa gh’é tütta da rifärla;
    é gnì sö na gran nüvla äd pura,
    é dât žu tütt e äppena in n’ura.


    E quanda la pura po’ la s’é pušè
    èl russ dèl sangar l’ha quarcè,
    mo po’, quanda là sutta j han sarchè
    pü d’un sentunèr i n’han cätè.

    Äbotta, äpena in temp j ern’a scäpè
    quanda l’älärmi l’äviš l’äva sunè;
    äd cursa indävän vers èl Cabariöl,
    in spala i picén, par man i fiöl.

    Èl dü dèl mêš j ävn’imparè
    ca s’muriva a restèr in citè
    e äl fisc’ dèl bombi ch’i cäscävän
    dentr’in di foss tütt’is bütävän.

    Quand èl silensi sura tütt s’è stêš
    j han decis d’ändèr indré in paeš;
    mo èl paeš èl gh’era pö in qul post là
    e quäši änsón ha cätè la so cà.

    Is guärdävn’ind j occ’: che smentiment!
    Imbäciuchì, äs pudeva fèr a nient;
    donni e rägâs i pudevän cridèr,
    j òmèn inveci is sentivän biästümèr.

    Gh’è pö änsüna speransa?
    Gh’è pö un po’ äd curâg’ ca vansa?
    Mäcerj, mort: äd brüti ròbi a gh’n’è tanti;
    gnan un segn ch’äs jüta a ändèr avanti?

    Èl Vescvè, tächè äl Dôm, a l’è dat žu,
    èl Sgnûr l’ha gnan sälvè i su;
    èl seminäri l’è ändè in fâs
    mo i preten j ern’a Cämpulâs.






    In mèžža, èl nostar Dôm l’è restè in pé,
    l’é èl pü vècc’ mo incö änmò èl gh’é;
    la tomba äd San Dunén, me gh’ho pensè,
    in mežža a tanti guerri l’é pässè:

    guerri ch’ha fât j òmèn e mîa èl Sgnûr,
    èl bombi èl j ha mîa fati èl Creätûr.
    Ma forsi èl nostar Dȏm ca stà in pé
    l’è èl segn che de speransa änmò agh n’é.

    RispondiElimina
  4. Molto bella. Complimenti a Giordani e grazie

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi