mercoledì 7 giugno 2017

Fidenza in “allerta” 24 ore su 24


 Il 6 giugno presso la sala ex Tribunale di Palazzo Porcellini è stato presentato il nuovo piano di allertamento della Regione Emilia Romagna “Rischio idraulico – idrogeologico: le nuove procedure di allertamento” .


Il Dott. Cristiano Ceccato, Responsabile Servizio Protezione Civile Unione Terre Verdiane, ha illustrato le novità ai rappresentanti del sistema di Protezione Civile del nostro territorio: Prociv Arci Fidenza (Presidente Gino Bandini), GVPC Fidenza (Presidente Roberto Guidotti) , NCS Fidenza (Presidente Stefano Bettosi), FederGev Fidenza (Presidente Maurizio Mongardi), C.P.P.A.V.P.C. Comitato di Parma (in rappresentanza Roberta Taccagni e Mario Pesatori), ARI Fidenza (Presidente Cristiano Cornini), CRI Fidenza.


Il Dott. Ceccato ha sviscerato le metodologie sulle quali si basano le nuove segnalazioni di allerta. Per la nostra zona sono presenti 2 stazioni di rilevamento idrometriche per  il rischio idraulico sul fiume Stirone: un idrometro a Vigoleno e uno a Fidenza. Per il fiume Ghiara: un idrometro a Salsomaggiore T. Per le stazioni pluviometri: un rilevamento a Cusignano e uno a Fidenza. I dati di queste stazioni vengono calcolati ed elaborati dall’agenzia ARPAE,  tramutati in segnalazioni con codici. Ogni comune coinvolto riceve la propria segnalazione di allerta o emergenza. Al comune spetta il compito di informare i cittadini in caso di pericoli e le attivazioni in caso di emergenze.


Ha presentato il nuovo metodo di comunicazione telefonica di allertamento, “Alert System. Il sistema permette dopo aver inserito tutti i numeri di telefono fisso e mobile dei residenti fidentini di poter inviare in tempo reale chiamate automatiche di emergenze in atto o comunicazioni di pubblica utilità. I numeri di telefono fisso che sono inseriti in elenchi telefonici pubblici sono già stati caricati nel programma. Per chi possiede un cellulare e vuole ricevere le notizie (servizio gratuito) si può recare presso Punto Amico (palazzo municipale, piano terra, piazza Garibaldi, 1) e compilare l'apposito modulo, oppure segnalare il proprio numero autonomamente on-line tramite il sito del comune di Fidenza (www.comune.fidenza.pr.it),



Per il comune di Fidenza il Dott. Cristiano ha spiegato com’è stato adattato alle esigenze locali. Il lavoro svolto per poterlo rendere operativo su Fidenza. La gestione e la divisione dei compiti che ancora bisognerà fare per completare tutti i dati da immettere nel sistema. Come si è pensato di definire le liste, dividendo i numeri telefonici a secondo delle possibili comunicazioni, ad esempio i genitori degli alunni delle scuole per eventuali segnalazioni in merito a chiusure istituti, sospensione servizio trasporti, ecc. Una lista con cittadini residenti in prossimità di torrenti o zone di risaputi allagamenti in caso di emergenze idrauliche.  Le liste serviranno per evitare di inviare segnalazioni a tutti i cittadini indistintamente, ma di coinvolgere solo le aeree interessate dalle emergenze specifiche. E’ inutile mandare 10 messaggio nel giro di poco tempo a tutti perché altrimenti si rischia che la comunicazione non venga recepita con il giusto peso.


Nei prossimi giorni i cittadini che hanno un numero fisso presente nell’elenco telefonico riceveranno la cosiddetta "telefonata zero" registrata dal sindaco Andrea Massari,  dalla sua viva voce potranno ascoltare tutte le informazioni e istruzioni.  Si riceveranno avvisi in tempo reale in caso di emergenze, calamità, chiusura delle scuole, sospensione dei servizi, ecc. Dopo l’inserimento nel sistema di tutti numeri telefonici da fisso e cellulari, la creazione delle liste si potrà raggiungere tutta la cittadinanza in caso di necessità.

Sabato 10 giugno presso la zona del mercato si troverà un punto informativo gestito dai Volontari di Prociv Arci Fidenza che spiegheranno il nuovo sistema di emergenza gratuito messo a disposizione di tutti i fidentini.


Cos’e Alert System

E’ un progetto nato da un’idea tra Andrea Fellini (ex Assessore alla Protezione Civile della Provincia di Parma), l’Unione Parmense Industriali di Parma e il Coordinamento di Protezione Civile di Parma che hanno pensato di utilizzarlo per un sistema di comunicazione che coinvolge tutti i paesi del Parmense.
Questa iniziativa si è potuta sviluppare perché il Coordinamento del Volontariato di Parma ha beneficiato di parte di una raccolta fondi proposta ai Lavoratori e alle Aziende di Parma tramite i Sindacati Confederati e l’Unione Parmense Industriali. Parte di questa raccolta fondi è stata così finalizzata alla sottoscrizione da parte del Coordinamento del Volontariato di un contratto triennale con ComunicaItalia e BT Enia per far si che tutti i Comuni della Provincia potessero beneficiare del sistema Alert System. 
E’ così che la Provincia di Parma è la prima Provincia in Italia ad aver realizzato questo progetto che, coinvolgendo tutti i suoi 46 Comuni, ha la possibilità di aver allertamenti immediati su tutto il suo territorio.  
Il Coordinamento del volontariato ha fortemente voluto un sistema di allertamento della Protezione Civile per essere più vicini ai cittadini e riuscire a dare informazioni nel più breve tempo possibile, per non farli sentire soli, come se ne è sentita l’esigenza durante la recentissima alluvione di Parma nell’ottobre 2014 quando le comunicazioni “normali” sono saltate e le notizie non sono arrivate tramite i canali tradizionali.
Da Febbraio 2015 grazie alla collaborazione con BT Enia, sono stati svolti degli incontri sul territorio, dove sono state consegnate le chiavi d’accesso (password) del sistema a tutti i Sindaci, riuscendo quindi a coprire tutto l’intero territorio della provincia di Parma che comprende circa 443.000 residenti.
Il servizio è fornito dalla società Comunicaitalia ed è basato su una struttura tecnica, di BT, distribuita su 26 centrali telefoniche con la possibilità di effettuare 200.000 chiamate ogni ora.
Le amministrazioni Comunali potranno veicolare i messaggi sia ai telefoni fissi forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico, a cui si aggiungono altri numeri di telefoni fissi e mobili di tutti coloro che desidereranno iscriversi al servizio.
Per i Comuni del Parmense coinvolti in questa iniziativa i loro cittadini che possiedono una linea telefonica fissa sono già stati inseriti nell’elenco telefonico e riceveranno automaticamente le comunicazioni con il sistema di Alert System.
Fondamentale è la prima telefonata di presentazione ai cittadini del servizio Alert System che viene inviata ai numeri di telefoni fissi delle famiglie del comune. In questo messaggio il sindaco, informerà i cittadini del fatto che stanno ascoltando un messaggio registrato, con cui si dà avvio al nuovo servizio con preghiera di non riagganciare e di ascoltare il messaggio ogni qual volta venga recapitato dal Comune.
Le persone che non hanno la linea telefonica fissa ma possiedono il cellulare e vogliono accedere  al servizio si dovranno iscrivere tramite il portale del proprio Comune.

Con il proprio cellulare è possibile vedere in tempo reale le allerte e le azioni messe in atto dal proprio Comune tramite il sistema Alert System scaricando l’App dedicata gratuita (cellulari sia Apple, Android, e Windows). Si dovrà scegliere il Comune di appartenenza, accettare le condizioni per la privacy, digitare il proprio numero di cellulare e si potrà usufruire delle informazioni in un qualsiasi momento.
Alert System ha la possibilità di creare liste di utenti telefonici del Comune per poter raggiungere in modo efficace e mirato anche alcune categorie di cittadini, per esempio, quelli che abitano in un determinato quartiere, oppure coloro che hanno i bambini che frequentano le scuole di ogni ordine e grado.
Le liste, infatti, possono essere geo localizzate in frazioni, quartieri, vie e piazze, attività commerciali, oppure su iscrizione diretta dei cittadini che vorranno essere informati su alcune tematiche.
La suddivisione dei gruppi di numeri telefonici potrà avvenire anche in base alla tipologia di rischio presenti nelle varie zone della città, ad esempio il rischio idrogeologico in prossimità dei torrenti. Attraverso questo sistema il Comune avrà anche modo di verificare in tempo reale le statistiche dettagliate su tutte le attività svolte dallo stesso sistema.

Da sx: Alessandro Dall’Olio  Amministratore Delegato BT ENIA,  Stefano Camin Presidente del Coordinamento Protezione Civile Parma, Giuseppe Forlani  Prefetto di Parma, Paola Balestri Responsabile Merketing di ComunicaItalia.

In anteprima a maggio 2015 che si è tenuta presso il Coordinamento di Parma la presentazione alle Associazioni di Protezione Civile, ai Comuni del Parmense e agli organi d’informazione del servizio telefonico Alert System.

 A cura di Roberta Taccagni

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberta Taccagni8 giugno 2017 12:19

      Confermo la rappresentanza nell'evento. Con l'avvallo del Presidente Stefano Camin.

      Elimina
  2. Taccagni Roberta8 giugno 2017 11:32

    ULTERIORE SPECIFICA: una volta installata l’App di Alert System sul proprio cellulare se vi recate in un altro paese cliccando sulla scritta “Comune Fidenza” che appare in alto nella schermata potete scegliere la località dove vi trovate in quel giorno e vi arriveranno le comunicazioni per quella zona.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi