domenica 13 ottobre 2019

Storia e storie: I toponimi dell'identità

Mercoledì 16 ottobre
ore 18
Casa Cremonini - Piazza Duomo 16

Storia e storie: I toponimi dell’identità

Relatori: dott. Ambrogio Ponzi e 
prof.ssa Luciana Teroni

Liceo Scientifico Scienze Applicate “A. Berenini”


La conferenza conclude il progetto "I toponimi dell'identità" che è stato realizzato con il contributo dell’Istituto per i Beni artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, ai sensi della L.R. 16/2014 <Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna>.
Presentazione

................. La costruzione di immaginari collettivi, di modi di conservazione della memoria, e quindi di luoghi correlati a determinati ricordi, finiscono per rappresentare un'affermazione dell'identità, sia con un valore pubblico sia con uno profondamente intimo. Sono idee e concezioni legate a immagini talvolta mitizzate, a eventi e avvenimenti reali oppure idealizzati.
Per questo il progetto ha considerato i toponimi orali di ogni via, borgo e vicolo, ricostruendone il significato e le connessioni con le attività, con gli insediamenti, anche con i miti trasmessi nel tempo. ................
L'Assessore alla Cultura del Comune di Fidenza
Maria Pia Bariggi

Premessa

Proiettare giovani del nostro tempo in un lontano passato e appassionarli alla ricerca delle radici dei nostri luoghi e della nostra identità non è certo impresa consueta e semplice perché le mete dei loro percorsi di studio e di vita sembrano essere solo orizzonti futuri tecnologici, digitali, globalizzati.
Quando si ha il coraggio, come è avvenuto in questo progetto, di guidare gli studenti nella disamina minuta dei luoghi del territorio locale, si fa la piacevole e gratificante scoperta che ai giovani non piace essere una generazione neutra, asettica, priva di connotazioni legate alla propria provenienza. .................
Il Dirigente Scolastico
Rita Montesissa

Annotazione

............ Esplorazioni linguistico-etimologiche permettono di ridare al nome di luogo, divenuto talvolta opaco nel corso dei secoli o dei millenni, una trasparenza ed un significato. Pur essendo la toponomastica una scienza del linguaggio e delle lingue deve essere considerata anche una scienza storico-geografica.
Anche la toponomastica dialettale ha quindi come obiettivo quello di consolidare e tramandare la conoscenza del nostro territorio, in questo caso urbano, ripercorrendo i mutamenti delle denominazioni di periodi più o meno recenti senza trascurare il passato, medievale ma anche anteriore. .........
Ambrogio Ponzi


4 commenti:

  1. Tutto bene, Ambrogio?

    RispondiElimina
  2. Incontro molto interessante e anche divertente.
    Saluti a Claretta, che abbiamo ricordato con simpatia e affetto, per tutto l'impegno che ha profuso nella divulgazione del dialetto fidentino.

    RispondiElimina
  3. Marisa Guidorzi18 ottobre 2019 02:06

    Claretta, anche per lei c'è stato un pensiero , che non poteva mancare parlando del passato borghigiano.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi