sabato 19 ottobre 2019

"Un calice e i misteri dei reliquiari"

Calice San Donnino

Mercoledì, 23 ottobre, ore 18
Conferenza 

"Un calice e i misteri dei reliquiari"
relatrice dott.ssa Alessandra Mordacci
presso la Sala Conferenze del palazzo vescovile



La conferenza "Un calice e i misteri dei reliquiari", inserita nell'ambito della Festa Internazionale della Storia 2019 di Fidenza "Un borgo Santo per i pellegrini", si terrà mercoledì 23 ottobre presso la Sala Conferenze della Diocesi di Fidenza (ingresso dal Palazzo Vescovile, Piazza Grandi n. 16 - 43036 Fidenza). 
Del Calice ansato detto di San Donnino, conservato presso il museo diocesano, la dott.ssa Alessandra Mordacci prenderà in considerazione vari aspetti: morfologia, materia e tecnica di realizzazione, stile, epoca di realizzazione, vicende, simbologie dei decori, utilizzo liturgico, devozionale e taumaturgico nei secoli.



Alessandra Mordacci, ricercatrice storica e storica dell'arte, specializzata in argenterie antiche europee e nordamericane è attualmente direttore del Museo del Duomo e Diocesano di Fidenza. 
A lungo catalogatrice di beni artistici ecclesiastici per le Soprintendenze di Parma e Piacenza, Modena e Reggio Emilia e per il Museo degli Argenti di Firenze, Alessandra Mordacci ha all'attivo numerose pubblicazioni nel settore, tra le quali:
- L'arma di Torello: considerazioni e ipotesi sul marchio di controllo della bontà dell'argento in uso a Parma anteriormente al secolo XIX, in Parma per l'arte - Rivista d'arte e cultura, Nuova serie, Anno III - Fascicolo 1 - Giugno 1997.
- Argenti e argentieri a Parma tra '700 e '800 (Catalogo della mostra Parma, Palazzo Bossi Bocchi, 12 ottobre 1997-11 gennaio 1998), PPS Editrice Parma 1997, Collana: Le mostre della Fondazione - Monografia promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Parma e dal Monte di Credito su Pegno di Busseto. Di singolare interesse i capitoli dedicati agli argenti ebraici e agli arredi liturgici in argento. Con appendice documentaria e bibliografia.

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi