lunedì 2 giugno 2014

Campagna elettorale: che noia

Oggi entriamo nell'ultima settimana della campagna elettorale che si concluderà domenica prossima. Visibile è la stanchezza che si respira, i due candidati hanno già giocato gli assi che avevano nella maniche, e alla fine non restano che scartine, qualche fante, un cavallo. Ma la conta comunque verrà fatta domenica, la patta non è possibile.

Poi sarà il momento della verità: "non abbiamo neanche i soldi per far funzionare le fontane".

L'ultimo gazebo è di sabato, ritrovo di amici a guardare insieme la "vasca" degli altri, se guardano di qua, un voto, se guardano di là nessun voto.


Questi due amici hanno nome e cognome, Giuseppe Comerci, in quota Gambarini, e Benvenuto Uni, in quota Massari, sembrano di buonumore e posano per una foto prima di mettersi in fila per il corteo del 2 giugno. In fin dei conti loro sulle panche del Consiglio si son già seduti e, come vediamo, anche a stare in piedi sono contenti. 
Il passaggio del corteo davanti al Cinema Corso ora Bingo

Solo qualcosa sembra scuotere tutti:





3 commenti:

  1. Franco Bifani3 giugno 2014 11:54

    Mi viene in mente quella scena di un film con Don Camillo e Peppone; al risuonare dell'Inno del Piave, si erano messi tutti d'accordo, in fila, marciando, lieti e festosi. Le ire partitiche si erano dissolte. L'abbigliamento di Benvenuto è inquietante; pare il portantino di una agenzia di pompe funebri.

    RispondiElimina
  2. Grazie Franco, è quello che volevo trasmettere

    RispondiElimina
  3. Speriamo che finisca alla svelta questa campagna elettorale...così molta gente non si vedrà più in giro e si smetterà di promettere cose che solo a pensarle mandano il Comune ancora più in ROSSO...

    RispondiElimina