martedì 4 dicembre 2018

Il confessionale del duomo va in pensione?


Trasloco? Sono di poche ore fa queste immagini che ci prevengono direttamente dal sagrato del Duomo. Il centenario confessionale, che ha raccolto le confidenze di tanti fedeli, liberato da tante colpe o sensi di colpa o assolto anche semplici marachelle da valutare nella loro intenzionalità, sta partendo.

Non ci permettiamo alcuna indicazione sui motivi e le finalità dell'operazione perché semplicemente non ci è dato di conoscerli, e se chiedi nessuno confessa. 
D'altra parte i confessionali erano sei, tre a destra e tre a sinistra, la legge della simmetria ci dice che un altro dovrà per forza essere rimosso. Sei erano tanti e si sa, quando l'offerta supera la domanda, la sana amministrazione prende provvedimenti.
A proposito, questo confessionale è il primo entrando dalla porta di sinistra, quella della Torre del Folletto.  



5 commenti:

  1. Marisa Guidorzi4 dicembre 2018 01:29

    Purtroppo ormai la gente si confessa e si libera dalle proprie ambasce in altri luoghi e si assolve dalle colpe confrontandole con quelle degli altri ( sempre più gravi delle proprie!).

    RispondiElimina
  2. Forse lo tolgono per motivi di sicurezza interna

    RispondiElimina
  3. Spariranno tutti i confessionali,ora stanno spostando gli altri,tutto sotto la supervisione del sig.ovidio del sig.cerimoniere sotto la sguardo attento dell'esperto d'arte sig.alessandro, ovviamente cambiamenti necessari al fine delle messe,una volta ricordavo che la religione era spirituale non materiale,ma si vede che gente studiata pensa che spostaree sistemare porti più fedeli o porti una migliore divulgazione della parola di Dio.

    RispondiElimina
  4. Troppi troppi cambiamenti, alcuni senza un senso logico.
    Personalmente la croce appesa che da decenni vegliava sui Fidentini non andava tolta; a parer mio ora sembra una tomba davvero.Cerimoniere?meglio non commentare

    RispondiElimina
  5. Tra poco non dovremo rimetterci a cantare: "Porca l'oca, ma il Duomo dov'è?" Vero? Parché, secônd me, da che 'n po' i portän via anca cul-lé.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi