martedì 16 aprile 2019

"Il fidentino" nella cassetta della posta

"Il fidentino in formato PDF"

Il consueto editoriale delle due massime autorità cittadine, il Sindaco Andrea Massari e il Vescovo Ovidio Vezzoli, introducono alla lettura dell'ultimo "Il fidentino" dell'uscente amministrazione. Cinque anni sono molti, ma per l'intensa attività di questa Amministrazione possono essere troppo pochi per completare progetti e promesse. 

"Il fidentino" in distribuzione in questi giorni dedica ad ognuno dei cinque assessori due pagine, come nel calcio oltre al voto di squadra c'è il voto individuale, buona lettura e raziocinio.



4 commenti:

  1. Buongiorno! Sommessamente, visto che sono nuovo del "mestiere".....due righe alla minoranza, no ?

    RispondiElimina
  2. Andrea Cabassa17 aprile 2019 13:31

    da una sommaria lettura mi sono imbattuto nell'elogio di aver finito con due giorni di anticipo sui tempi i lavori del ponte a parola.
    forse il sindaco non si è accorto che il lavoro non è ancora finito, o forse ha voluto omettere di dire che alla fine della scuole ci sarà la seconda fase.
    la verità devrebbe essere una sola e non dire solo la parte che fa comodo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho notato anch'io quanto segnalato da Cabassa. Capisco che in campagna elettorale si faccia a gara a chi le spara più grosse, ma quello che mi stupisce del clima di Fidenza è che ci sarebbero un sacco di cose sulle quali attaccare questa maggioranza, e invece pare passare tutto sotto silenzio. Sembriamo un paese intorpidito, sonnolente, apatico... O forse, in fondo, non è che a Fidenza le cose vadano poi tanto male, di questo, effettivamente, credo vada dato atto agli attuali amministratori, se mai si potrebbe discutere sul prezzo che paghiamo questo apparente benessere (vedi vendita della rete gas per fare cassa immediata....)

      Elimina
  3. C’è per caso, in Italia, dal Brennero a Pozzallo, un solo paesino virtuoso e miracoloso, dove l'amministrazione locale governa con mano santa, accontentando tutto e tutti? Perlomeno dal dopoguerra ad oggi, prima era pericoloso criticare.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi