martedì 2 aprile 2019

La Scuola media Zani sulle strade della Memoria

 

LA SCUOLA ZANI SULLE STRADE DELLA MEMORIA

A conclusione del progetto MEMORIA IN CAMMINO-LA STORIA VA A SCUOLA, una rappresentanza di tutte le classi terze della Scuola Zani  ha partecipato oggi ad una importante e suggestiva uscita didattica a Monte Sole, nell’Appennino bolognese.


In questi luoghi le truppe tedesche compirono, tra il 29 settembre e il 5 ottobre 1944, il più grande massacro di popolazione civile perpetrato sul fronte occidentale durante la seconda guerra mondiale. Quasi ottocento persone vennero uccise con l’obiettivo di ‘ripulire’ un’importante area strategica a ridosso della linea Gotica dalla presenza dei partigiani, facendo terra bruciata intorno ad essi.
Camminando lungo i sentieri e tra i resti di quei piccoli paesi immersi nel verde, i ragazzi hanno cercato di penetrare nel silenzio ‘assordante’ che domina incontrastato.

Sollecitati da letture e dall'intervento della guida, hanno riflettuto sul contesto in cui è maturato il massacro: dal rapporto tra partigiani e popolazione, alle ragioni che consentirono ai soldati tedeschi  di vedere in donne e bambini un nemico da sterminare.
Un’importante riflessione ha toccato anche il tema violenza-non violenza.
Al termine del percorso il gruppo ha visitato il Sacrario di Marzabotto, nel quale sono stati riuniti i resti di circa 800 vittime civili e di partigiani deceduti nelle varie località del Comune, oltre ai resti di militari della prima e seconda guerra mondiale.



Il progetto è stato totalmente finanziato da ANPI Fidenza e ha visto la collaborazione di due ricercatrici del Centro Studi e Movimenti di Parma. Ilaria La Fata ha condotto gli studenti sui luoghi della memoria e Michela Cerocchi ha seguito  la fase della ricerca in classe.
Accompagnatori  Armando e Renata Perteghella per ANPI e le insegnanti Claudia Bertuzzi, Claudia Fava, Mara Dallospedale.





Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi