lunedì 25 agosto 2014

La città che cambia: l'edificio di Via Barabaschi


Fuori dagli sguardi indiscreti si va completando il palazzo sorto nell'area delle Case Nuove, che dovrebbe essere dedicato a Vittorio Chiapponi. 
La costruzione non si sviluppa in altezza più del dovuto, in compenso ha fagocitato tutto lo spazio antistante alle vecchie costruzioni abbattute nel 2009.
Oggi alcune parti dipinte color pastello ingentiliscono una struttura di una certa imponenza. Resta il problema degli alberi (vedi foto sotto) che sono stati conservati nella facciata di ponente, la loro distanza dal fabbricato, diversamente da quanto illustrato nell'elaborazione grafica (rendering) pubblicata è assai più ravvicinata. 
Altri dettagli alla pagina "Metamorfosi urbane"



1 commento:

  1. UN SOLO COMMENTO (PERDONATEMI LA VOLGARITA' MA QUANDO CE VO' CE VO'): E' UN CESSO DI EDIFICIO.... già con lo squallore delle Torri gemelle e dell'incompiuto "spicchio di formaggio a 7 piani sulla via emilia ad altezza bellaria" un architetto con più buon senso avrebbe almeno capito l'impatto di qst schifo a pochi metri dal Duomo! A saperlo ci mandavo i miei figli a preparargli una bozza di progetto.. avrebbero sicuro fatto di meglio. Saluti, Antonio Carpentieri.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi