sabato 30 agosto 2014

Tra Via Piave e Via Isonzo la Caporetto della viabilità fidentina.


Premettiamo parte dell'intervista a Davide Malvisi pubblicata nella Gazzetta di Parma del 23 agosto:
“Finché non ci sarà un vero progetto su una nuova viabilità, il problema rimarrà. Intanto però, a differenza di quanto fatto dalla precedente Amministrazione che aveva acuito le criticità, riapriremo presto Via Isonzo nei due sensi di marcia. Prima era stata chiusa a metà, ignorando la petizione fatta dai residenti nei mesi scorsi. Iniziamo almeno a dare una risposta a questo, per cercare, in parte, di alleggerire le difficoltà viabilistiche della zona”.
Davide Malvisi, Assessore alla Viabilità

Ma andiamo oltre ed in ordine.
Nato dall'accoglimento delle proteste dei residenti per le troppe auto che attraversano il Quartiere Luce dirette verso Piacenza o verso Salsomaggiore, il provvedimento della Giunta Cantini è stato quello di inibire il transito lungo Via Isonzo posizionando una barriera fissa. 
La soluzione è stata elaborata in complicità con lo staff tecnico comunale, non può essere altrimenti.
Ora la nuova Amministrazione riapre la strada nei due sensi di marcia ritornando quindi alla situazione antecedente, la soluzione è stata elaborata in complicità con lo staff tecnico comunale, non può essere altrimenti.
Sui risvolti immediati delle due impostazioni, ambedue adottate per migliorare la qualità della vita degli abitanti del quartiere, lasciamo che siano le forze politiche a confrontarsi.
Ma al di là delle due soluzioni più o meno imptovvisate resta il fatto che la città non ha da troppo tempo un piano accettabile di viabilità ed che il nuovo PSC non entra in questo specifico. Si limita a sposare le soluzioni precedenti in gran parte già "scritte" nel territorio. 
Ricordiamo poi che sulla viabilità futura pende la spada di Damocle del sottopasso di Via Mascagni che avrà come unico effetto quello di valorizzare i terreni oltre la ferrovia per i quali da tempo sono pronti i progetti di urbanizzazione.

Via Piave

Via Isonzo
Via Isonzo

6 commenti:

  1. Francamente le considerazioni scritte non dicono nulla; vorrebbero salvare Cantini e Massari, colpevolizzando l'ufficio tecnico comunale. E poi si passa, così, in via Mascagni, per dire cosa?

    La realtà è che in una sola via del quartiere Luce si riversa tutto il traffico proveniente da Salso e dai quartieri limitrofi in direzione Fiorenzuola.

    Fidenza ha bisogno di un assetto urbano del traffico decente nella zona sud? SI.
    Da quanto tempo? Almeno quindici anni.
    Da quanto tempo siamo in presenza di una strozzatura che impedisce il collegamento di Fidenza verso Nord? Almeno cinquant'anni.

    Questo è un fatto politico che necessitava e necessità soluzioni tecniche.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai capito tutto e fai finta di non capire. D'accordo col "fatto politico", che tuttavia affidi ai tecnici. E dove sono stati i tecnici in tutto questo tempo?

      Elimina
  2. Almeno riaprendo via Isonzo il traffico si distribuisce meglio... mi auguro che lo facciano al più presto, perchè ne abbiamo bisogno.

    RispondiElimina
  3. Io mi auguro che facciano di meno e con più testa e buonsenso- Cose che sono totalmente mancate, quando è stata realizzata la rotatoria via Piave- via Gramizzi andando ad ampliare il locale in curva e permettendo di installare anche una mega antenna x telefonia sul tetto. Non ho capito: è stata una scelta politica o tecnica?

    RispondiElimina
  4. Io preferivo la soluzione adottata da Cantini.

    RispondiElimina
  5. Chiediamo agli abitanti che vivono lungo le vie che si beccano tutto il traffico se vogliono questo.

    Certo che chi ha avuto da Cantini una sua personale isola pedonale a scapito di tutti gli altri dirà.... preferivo la soluzione di Cantini....

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi