lunedì 16 giugno 2014

Marcello incarcerato Franco basito


E' con animo desolato e sconsolato che ho accolto, pochi minuti fa, la notizia che il povero Dell'Utri, ospite del nostro hotel a cinque stelle di Via Burla, è stato lasciato solo, come un misero cagnolino, bastardo e "pajone", dagli antichi compagni di merende, nonostante l'accorato appello a fargli sentire la loro vicinanza, lanciato, con i sensi più edificanti e specchiati, di carità e di misericordia, da Carlo Momigliano, CMO di FINELCO e combattente della prim'ora sugli spalti di Publitalia e dalle trincee di Fininvest.

Nonostante i ripetuti appelli e le invocazioni reiterate, nessuno dei compagnucci della parrocchietta dei tempi felici ha risposto; tutti hanno fatto spallucce ed orecchio da mercante, o meglio, da imprenditore. Pare che qualcuno abbia sentito Marcello, dalla sua cella, novello Silvio Pellico, che mormorava, con il capo chino a terra, qualcosa come:”Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice nella miseria”. 

E Momigliano, di risposta, con la voce rotta:


“Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedete, ancor non l’abbandono”.


A questo punto, però, al contrario di Dante in quella famosa situazione, io non mi sono commosso e di pietade 
io non venni men così com'io morisse.


E non caddi come corpo morto cade.
Rimango solo basito, di fronte a certe iniziative.
Franco Bifani

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi