domenica 25 febbraio 2018

Il vangelo secondo Matteo (Salvini)


Il Vangelo secondo Matteo (Salvini)
Poco prima del giuramento virtuale, quale futuro, prossimo venturo Premier, Salvini ha estratto un rosario, non una Colt, dalla tasca, assicurando che, con la Lega, "gli ultimi diventano primi”, affermazione già espressa da qualcun altro, prima di lui, duemila anni fa. Glielo aveva donato un don, l'aveva confezionato una guerriera della strada. Come colonna sonora, ci stava bene una di quelle musiche tese, di Morricone, nei western di Leone.

Poi, levato lo sguardo, ceruleo e limpido all'alto dei cieli, dove aveva fatto capolino il sole, ad illuminare d'immenso e riscaldare la folla nordista, ha dichiarato:
"C’è il sole. Qualcuno, là in alto, ci sta dando una mano. La Madonnina vuole riportare serenità in Italia. Un Paese come il nostro, come diceva Benedetto Croce, non può che definirsi cristiano".
Ma non solo Croce; Matteo ha citato anche Pasolini, sull'antifascismo, allora, come arma di distrazione di massa.
L’Arcivescovo di Milano, Mons. Delpini, però, non ha gradito questa commistione di sacro e profano, anche perché, dall'alto dei cieli, non era calata la colomba dello Spirito Paraclito, sulla zucca di Salvini.
Eppure, Matteo voleva realizzare, ancora una volta, la Sacra Alleanza tra trono ed altare, sotto lo sguardo benevolo, materno e protettore della Madunìna del Dòmm de Milàn. “Lasciate che gli italiani vengano a me...” “In verità io vi dico, amen vobis dico, che la Lega vincerà e le forze dei senzadio dei Centri sociali non prevarranno su di essa!” Aveva persino dismesso la felpona ed indossato una candida camicia, con tanto di cravatta.
Così percosso, attonito pur io al nunzio sto Sarà vero Premier? Ai postisti L’ardua sentenza: nui Chiniam la fronte a Umberto Bossi che volle in lui Del creator suo spirito Più vasta orma stampar.


Franco Bifani

9 commenti:

  1. Marisa Guidorzi25 febbraio 2018 19:10

    Come il solito originale interpretazione. Ad ognuno raccogliere il sassolino e decidere che cosa farne.

    RispondiElimina
  2. Signora Marisa, mi è piaciuto poi quando Salvini, noto plurilaureato, si è messo a sproloquiare di scuola e cultura. Come se uno che manco sa le tabelline facesse lezione di viaggi interstellari alla NASA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ha nel mirino il voto del vasto popolo degli ignoranti per scelta?

      Elimina
    2. Salvini ha ridicolmente e vergognosamente abusato del fatto che molti italiani sono dei bigotti e baciapile, ed allora ha tirato in ballo la Madonnina, il Rosario ed il Vangelo, tutte cose per cui dubito fortemente che nutra il minimo interesse.

      Elimina
    3. Marisa Guidorzi27 febbraio 2018 23:09

      Il suo "abuso", però, potrebbe anche ritorcersi contro di lui. Tra i credenti vi sono pure persone dotate del ben dell'intelletto e di buon senso a cui certamente questo mischiare sacro e profano non sarà piaciuto.

      Elimina
    4. Signora Marisa, sono secoli che sacro e profano, trono ed altare, diavolo ed acqua santa, potere laico e temporale si invischiano e si mescolano, e ne sono sempre scaturiti grossi guai.

      Elimina
  3. Marisa Guidorzi28 febbraio 2018 09:47

    Lo so bene che questo succede. Sono stata vicina agli ambienti sia religiosi che politici, quindi esperienza diretta dei compromessi, delle doppiezze e delle ipocrisie, ma mi sono anche resa conto che ben altra cosa sono la Fede e la Politica. Non ho "buttato il bambino con l'acqua sporca", ma cerco di discernere con la mia testa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del resto, anche Gesù Cristo fu eliminato con la collusione del potere politico di Pilato e di quello religioso di Hanna e Caifa.

      Elimina
  4. E persino il massimo e ottimo eroe yankee, John Rambo, con la potenza di fuoco di un’industria bellica, nell’ultimo film omonimo, corre in salvezza di un gruppo religioso in Estremo Oriente. In God we trust!

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi