martedì 16 aprile 2019

La cerimonia di conferimento della Cittadinanza Onoraria all’Ing. Alberto Bormioli

La cerimonia di conferimento della Cittadinanza Onoraria all’Ing. Alberto Bormioli è avvenuta oggi, 16 aprile, presso lo stabilimento Bormioli in viale Martiri della Libertà. 
Il Presidente del Consiglio Comunale Dott. Amedeo Tosi, che, per l'occasione, aveva convocato il Consiglio stesso ha aperto l'incontro dando poi la parola al Sindaco Andrea Massari che ha, alla fine, letto la motivazione del conferimento:


"l’amministrazione comunale intende conferire ad Alberto Bormioli la cittadinanza onoraria per avere esplorato l’intermediarietà, la capacità di stare fra diverse culture, classi sociali, Paesi e generazioni diverse, sempre promuovendo e realizzando la cultura dell’impresa"
Riportiamo qui di seguito il discorso di apertura del Presidente Amedeo Tosi e quindi un breve commento sul discorso dell’Ing. Alberto Bormioli



"Con grande gioia a nome del Consiglio Comunale, del Sindaco e dell’Amministrazione vi esprimo i più calorosi saluti per essere presenti questa sera, in questa luogo che rappresenta non solo il lavoro nella sua più nobile espressione ma soprattutto un tassello importantissimo della storia della nostra città, in occasione della cerimonia solenne di consegna della Cittadinanza Onoraria all’ing. Alberto Bormioli.
Ringrazio per essere presenti il vicario Generale della Diocesi di Fidenza don Gian Emilio Pedroni, il Sindaco di Salsomaggiore Terme Filippo Fritelli, il Sindaco di Soragna Iaconi Farina, il cancelliere della curia don Alessandro Frati, il comandante della stazione  Carabinieri Paolo Gerali, le maestranze dell’azienda, i rappresentanti dei lavoratori, i manager aziendali, oltre a tutte le altre autorità presenti sia civili che militari.
Un particolare saluto va rivolto in modo speciale all’ing. Alberto Bormioli, Presidente dal 1994 della Bormioli Luigi S.p.A., che da questa sera sarà cittadino onorario di Fidenza. Si tratta dell’onorificenza più alta che esprime l’Amministrazione Comunale, in quanto votata dal Consiglio Comunale e quindi dall’assemblea dei rappresentanti dei cittadini di Fidenza.
Ing. Bormioli, con questo gesto Fidenza Le dice grazie per aver creduto alla crescita industriale dello stabilimento di Fidenza che da oltre un secolo contribuisce all’innovazione del mercato del vetro nel mondo oltre a garantire sostentamento e futuro alle famiglie della nostra comunità.
La vocazione di un imprenditore è un nobile lavoro, sempre che si lasci interrogare da un significato più ampio della vita; questo gli permetterebbe di servire veramente al bene comune, con il suo sforzo di moltiplicare  e rendere più accessibili per tutti i beni di questo mondo - così ci insegna Papa Francesco nell’esortazione apostolica Evangelii Gaudium (203). Lei ing. Bormioli nello svolgere il suo ruolo imprenditoriale  sta costruendo il bene comune e  di questo tutti noi dobbiamo dirLe grazie!
Prima di Lei, in questi ultimi cinque anni, come Amministrazione Comunale, abbiamo conferito questo riconoscimento al Vescovo Emerito di Fidenza mons. Carlo Mazza, prima che lasciasse la diocesi, a Piero Terracina superstite dell’Olocausto ed al prof. Paolo Andrei rettore dell’Università di Parma. Con Lei chiudiamo questo cerchio ideale di riconoscimenti che abbracciano tutti i campi della nostra vita: lo spirito e la fede (mons. Mazza), la difesa dei diritti fondamentali dell’uomo (Terracina), la cultura e la scienza (prof. Andrei) ed ora il mondo dell’impresa e delle professioni (Ing. Bormioli).
Prima di passare la parola al Sindaco Le chiediamo di continuare a credere in Fidenza, in questa fabbrica e nelle sue straordinarie maestranze convinti che sarete, tutti voi assieme, i protagonisti di un nuovo futuro per questo stabilimento e con esso di un pezzo importante della nostra città.
Grazie ancora
Amedeo Tosi 
Presidente del Consiglio Comunale 
Fidenza, 16 aprile 2019


L'intervento dell'Ing Alberto Bormioli ha fatto seguito a quello del nostro Sindaco Massari.
L'inizio è stato tutto per loro: i dodici parlamentari tutti rigorosamente assenti, sei ex parlamentari sei parlamentari in carica. Per loro aveva ri-elaborato il suo discorso, ma, per forza di cose, si è trovato nella necessità di dover adattare le parole alla nuova situazione. L'ha fatto egregiamente senza omissione alcuna.
In apertura l'elogio al Sindaco Andrea Massari e l'invito ai fidentini a tenerselo stretto, poi un discorso leggermente chilometrico che ha tenuto inchiodati alle seggiole centinaia di uditori di ogni estrazione sociale: consiglieri ed assessori comunali, dirigenti e dipendenti ed ex, rappresentanti di scuole ed altre istituzioni, semplici cittadini.
Ha anche ricordato che tutto è partito da Borgo San Donnino nell'ottocento con Luigi Bormioli che aveva scelto la nostra città come sede della sua vetreria (vedi immagine sotto) che era sistemata nel convento di San Bernardo.



2 commenti:

  1. Felice di non aver potuto partecipare , anche perché se ci fossi stata credo, conoscendomi, non sarei stata capace di stare zitta, a questa farsa elettorale pro Massari.
    Ho votato, insieme al mio gruppo in Consiglio comunale, il conferimento della cittadinanza onoraria all’Ing. Alberto Bormioli, ma oggi, ascoltando parte della registrazione delle parole pronunciate dallo stesso durante l’Assemblea di ieri, mi viene voglia di chiedere subito il ritiro dell’onorificenza conferita.
    Il signor Bormioli, dall’alto della sua nobile posizione, sputa sentenze su chiunque trasformando un momento importante, così doveva essere per la città, in un teatrale e paradossale incontro pubblico. Il saggio Ing. Alberto Bormioli dovrebbe sapere che i Parlamentari della Repubblica, il martedì, capita spesso siano a Roma a espletare la funzione per la quale sono stati eletti, piuttosto che essere a presenziare a momenti come questo. E gli ex Parlamentari della Repubblica magari avevano altro da fare e non si sono presentati a ringraziarla per queste belle sue parole sui massimi sistemi. Stucchevole il sottolineare, con tale arroganza, le assenze a questo “incoronamento”.
    E gentilissimo Ing. Alberto Bormioli, lo spassionato elogio al Sindaco Massari con tanto di “tenetevelo stretto” è in questo momento elettorale quantomeno inopportuno, se non scorretto, in quanto, forse le è sfuggito, il conferimento è stato votato da un intero Consiglio comunale che , almeno per decenza, avrebbe dovuto ringraziare.
    Inopportuno e scorretto è stato anche il momento scelto dal Sig. Massari che, alla faccia delle normative, ieri si è presentato con tanto di fascia tricolare. Forse anche a Massari è sfuggito che dall’11 aprile non si può più fare un certo tipo di comunicazione! Ma a lui cosa importa della correttezza e della leatà…. A questo siamo purtroppo già abituati.
    Devo ancora, tra l’altro, finire di ascoltare il luuuungo, appena appena un po’ pesante, monologo dell’Ing. Alberto Bormioli , ma conto, appena mi sarà possibile, di arrivare alla parte in cui ce n’è anche per la nostra Chiesa.
    Qui non si tratta di politically correct come al Signor Bormioli è piaciuto dire delle sue parole, qui si tratta di strumentalizzare con ipocrisia una situazione che avrebbe dovuto essere gradita all’intera comunità di Fidenza.
    Voglio invece ringraziare anch’io Luigi Bormioli per aver scelto Fidenza, allora Borgo San Donnino, come sede della sua vetraria
    Francesca Gambarini – Forza Italia

    RispondiElimina
  2. Ma Alberto Bormioli è ancora i proprietario dello stabilimento di Fidenza ?

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi