domenica 19 maggio 2019

Simona Ferrari: "la politica torni negli interessi di tutti"

Simona Ferrari è candidata alla carica di consigliere comunale alle prossime amministrative del nostro Comune per la lista "Scarabelli Sindaco - Uniti per Fidenza". 
In questo post ne raccolgo volentieri gli entusiasmi che, a dire il vero, non necessitano di tanti preamboli. 
Richiama Simona nella sua auto-presentazione il rischio che hanno le liste civiche quando, per necessità, aprono  agli "apparentamenti con i partiti". 
E' questa una scommessa che, a quel che capisco, ha messo in conto fin dall'inizio.
A. P. 


Simona Ferrari

Mi candido perché....questa è LA domanda. Eppure la risposta non è semplice. ma non perché non la sappia, ma perché la "sento" molto, e mai vorrei fosse né sminuita né fraintesa.
Mi candido perché quando mi sono rapportata con la politica della mia città ho capito non è quella che voglio far trovare ai miei figli, perché sono una idealista e voglio lottare in quello in cui credo, perché penso che solo persone nuove, pulite, e non intrecciate con lo status quo possano sollevare la nebbia rossastra che da troppo ovatta occhi e coscienze. 
Mi candido perché voglio fermamente la politica torni negli interessi di tutti e torni ad essere fatta per gli interessi, di tutti.
Da questi obbiettivi nasce il mio impegno civico di questi anni, consiglio comunale dopo consiglio comunale, ad osservare, prendere appunti, cercare documenti, e condividerli con chi non si siede, silenzioso, a quei banchi...ma deve conoscere, deve sapere: perché in quelle stanza si decide il nostro futuro. 
Sono una creativa, per quasi tutta la mia vita ho fatto la sportiva, anche come allenatrice, e la stilista...ho vinto un concorso letterario, ho insegnato in una scuola superiore come collaboratrice esterna disegno stilistico, ho dipinto e fotografato, tanto...il mio pane è questo:arte sport ed eventi. Ma se c'è un sogno nel cassetto è quello di occuparmi di noi donne, in ogni aspetto, e la "Casa delle Donne" è l'obbiettivo più grande che vorrei personalmente seguire per la nostra città. E ho ben chiari, i progetti da portare avanti. 
Se mi verrà data la possibilità lo farò con la tenacia e la correttezza che mi contraddistingue, e con la libertà di chi non deve sottostare a nessun vincolo partitico e rendere conto a nessuno, se non a chi voterà il 26 maggio, che lo faccia o meno per me.

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi