sabato 19 maggio 2018

L'Arte in Scena a Fidenza

Non c'è via più sicura per evadere dal mondo che l'arte, ma non c'è legame più sicuro con esso che l'arte. (J. Wolfgang Goethe)



Aperte ieri, 18 maggio, con un'unica cerimonia le due mostre d'arte del Maggio Fidentino "SCENA ARTISTICA DEL PRESENTE-PER ARTE PER DILETTO" allestita in maniera credo inedita, nel Teatro Magnani, e "LA BOTTEGA DI MITRI - FRA DISINCANTO E FURORE", questa nello spazio creato nel Palazzo ex Liceo di Piazza Matteotti.
Oltre venti i pittori che hanno esposto nella mostra, mentre nella seconda Mostra troviamo artisti che in modo diverso hanno avuto come riferimento la scuola “La Bottega di Mitri",sono esposte in questo caso opere di: Alberto Allegri, Mario Alfieri, Gianfranco Asveri, Gabriele Calzetti, Pino Chiari, Corrado Tanzi, Giuseppe Previtali e Marilena Sassi.
Rino Sgavetta ha trovato uno spazio tutto suo allestito nel foyer del Teatro  G. Magnani.
Del Sindaco Andrea Massari e dell'Assessore alla Cultura Naria Pia Bariggi la breve presentazione, era pure presente il Presidente del Cral Bormioli che ha aderito all'iniziativa. 

Le due esposizioni, curate da Roberta Castellani, saranno visibili nei giorni 18,19,20 e 25,26,27 maggio 2018 nei seguenti orari: venerdì e sabato 17-20, domenica 11-12,30 e 16-20.

Il catalogo delle due mostre è disponibile all'ingresso delle stesse, della Prof.saa Maria Pia Bariggi l'introduzione:
"La passione per la pittura cerca spazio: persone con percorsi di vita diversi disegnano la geografia di queste Mostre di arte contemporanea che prevede due sezioni: Scena artistica del presente, per Arte e per Diletto e La Bottega di Mitri, fra disincanto e furore.Nella prima la curatrice, Roberta Castellani, ha confrontato e collegato le opere di ventidue artisti immaginandole come materiali con i quali costruire una scena. Perchè le opere saranno in scena, quella del Teatro "Girolamo Magnani".
L'esposizione è singolare non solo per il luogo, ma per la pluralità delle poetiche e delle tecniche.Gli autori, infatti, hanno partecipato all'invito a frotte e, rispettando le proprie ispirazioni, hanno dato luogo ad un mix di grafismi, gradazioni, effetti pittorici che bene esplicitano le molte vie esplorate dalla pittura contemporanea.La seconda mostra continua il percorso, iniziato nel dicembre 201 7, relativamente agli autori che parteciparono a quel cenacolo culturale, definito "La Bottega di Mitri", frequentato da artisti che sperimentavano molteplici dimensioni.Le opere di Alberto Allegri, Mario Alfieri, Gianfranco Asveri, Gabriele Calzetti, Pino Chiari, Corrado Tanzi, Giuseppe Previtali, Marilena Sassi e Rino Sgavetta ne costituiscono l'ideale proseguo.Le motivazioni, raccolte dalle testimonianze di Romano Allodi, possono essere considerate, per la loro attualità, un manifesto delle Mostre:"Era uno stare insieme ognuno con quelle cose mentali... arte musica politica.... dunque letteratura... filosofia esistenziale, allerta pofitica, espressioni formali cromatiche unidimensionali, bidimensionali, tridimensionali e la struttura impassibile del tempo.....Ancora "la fiducia di una condivisione: c'era da costruire un mondo e dunque da portare lì, nel luogo concreto che ci accoglieva, queste parti, questi modi, queste idee di corpo che aveva URGENZA di mostrare le varie diverse molteplici facce di un SOGNO di realtà POSSIBILE: gli amici che si spartivano, scambiavano e usufruivano l'insieme. IO SONO. PERCHE' TU e TU e TU e TU e TCITTI mi ascoltano POSSO essere Ascoltato...".Maria Pia BariggiAssessore alla CulturaComune di Fidenza
ALCUNE IMMAGINI














MOSTRE DI ARTE CONTEMPORANEA
18,19,20 e 25,26,27 maggio 2018

Orari mostre: venerdì e sabato 17-20 domenica 11-12,30 e 16-20

Inaugurazione: venerdì 18 maggio ore 17

Teatro G. Magnani
SCENA ARTISTICA DEL PRESENTE
PER ARTE PER DILETTO
Mostra di artisti di Fidenza e dintorni

Palazzo ex Liceo – Piazza Matteotti
LA BOTTEGA DI MITRI
FRA DISINCANTO E FURORE
Mostra di artisti della scuola “La Bottega di Mitri”
Opere di: Alberto Allegri, Mario Alfieri, Gianfranco Asveri, Gabriele Calzetti, Pino Chiari, Corrado Tanzi, Giuseppe Previtali, Marilena Sassi, Rino Sgavetta



1 commento:

  1. La MP Bariggi comincia ad intimorirmi, è insonne ed ubiqua. Parmi quasi vedere il di Lei divino capo circonfuso di una tenue, ma ben visibile aureola cerulea. Ave, Maria Pia, piena di grazia, la Cultura è teco, tu sei benedetta fra tutti i borgsàni e benedetto è il frutto del tuo Senno, il Verbo. Scritto ed orale.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi